Per quanto modificare l’aspetto della parte esterna dei propri genitali possa sembrare a primo impatto una follia, bisogna ribadire che anch’essi, come il resto del nostro corpo, modificano il loro aspetto con l’andare avanti degli anni, e che questo potrebbe comportare per alcune donne dei disagi.

Il nostro studio esegue trattamenti che si basano sull'esecuzione di infiltrazioni intradermiche, con l'ausilio di aghi estremamente piccoli e sottili ( calibro 32G e lunghezza 4mm) che hanno l'obiettivo di stimolare le cellule che costituiscono il derma -i fibroblasti- a differenziarsi, proliferare e migrare, e rilasciare a loro volta fattori di crescita che vanno ad influenzare a propria volta il funzionamento delle papille dermiche, l'organo vero e proprio che ciclo follicolare dopo ciclo follicolare fa sì che queste piccole "fabbriche di produzione di cheratina" lavorino in maniera efficiente.

Essere belli “in tutte le stagioni”: si può, ma non si deve confondere questo nobile obiettivo con l’idea che si possa fare tutto in qualsiasi momento. Niente di più sbagliato: ogni intervento ha precise caratteristiche che lo rendono ideale, o assolutamente sconsigliato, in base al momento dell’anno in cui viene fatto.

Quante volte ci sentiamo dire “mi sento più a mio agio con le gambe, le ascelle e la linea bikini perfettamente lisce. Ma ho un problema: la mia pelle è dannatamente sensibile, con una sgradevolissima tendenza alla formazione di peli incarniti e relative orrende cisti rosse, quindi il rasoio per me non è indicato.

Può essere usato tutto l’anno e non produce fotosensibilità. Agisce dall’origine del problema bloccando la produzione di melanina per un lungo periodo di tempo durante vengono rimossi i depositi di melanina.

Il contorno occhi è una delle zone più delicate del viso, per questo va trattata con molta cura. Essendo sempre esposta al sole, al vento e al freddo, si arriva ad avere una perdita di luminosità ed alla comparsa delle piccole rughe e borse. La pelle che la circonda può risultare stanca, macchiata e più segnata per l’età che abbiamo. 

Nell’immaginario collettivo, questo intervento viene associato a costi elevati, alla permanenza di segni inestetici e a lunghi periodi di convalescenza. Tutto ciò oggi non è più vero. L’applicazione di tecniche microchirurgiche abbinate all’utilizzo di mezzi ottici di ingrandimento ha portato alla semplificazione dell’intervento e all’abbattimento dei costi.

Stare alla larga da quei professionisti che propongono trattamenti "low cost" o che non operano in strutture sanitarie professionali ed evitare sempre iniezioni di filler al silicone se non si vuole rischiare di incorrere in gravi patologie, come la trombosi di arterie del viso o persino la cecità. 

Pagina 2 di 6