Come migliorare la linea del sorriso?

Pubblicato in La Rubrica del Medico
in data:
08
Gennaio
2019

La linea che vediamo quando ci guardiamo nello specchio è chiamata piega nasolabiale. È la linea tra il naso (naso) e la bocca (labiale). Con il tempo, la maggior parte delle persone vorrebbe averla rimossa perché rappresenta un segno d’ invecchiamento.

Intuitivamente, i pazienti credono di correggerle direttamente iniettando il filler all'interno della linea. È una percezione sbagliata. In realtà, il problema più probabile è iniziato nell'area della guancia che è diventata cedevole nel corso degli anni.

Trascurando il trattamento della guancia, possono verificarsi risultati indesiderati come un aspetto a "salsiccia" che può rendere la piega ancora peggiore.

I pazienti devono essere consapevoli che una siringa non è sufficiente per fornire buoni risultati. La maggior parte dell'insoddisfazione dei pazienti è legata alla pianificazione inadeguata della quantità del prodotto.

In questi anni di esperienza clinica, ho trovato che pianificare correttamente il lavoro è il fattore chiave per la ristrutturazione del viso. Ecco perché suggerisco un piano annuale per la maggior parte dei pazienti che cercano trattamenti che vanno oltre le linee guida. Per me non esistono linee guida, ogni viso è diverso, ogni viso esprime qualcosa di nuovo e questo è fantastico.

Il trattamento può essere somministrato in più sessioni in modo che possa essere adatto a tutti i pazienti.

Posso stabilire il piano di cura adatto e i pazienti possono decidere quanto velocemente vogliono raggiungere il risultato.

Lo considero uno strumento utile per aiutare i pazienti a comprendere le loro motivazioni terapeutiche. Presentando un piano di cura personalizzato al paziente gli indicherò le aree di interesse che andranno trattate. I pazienti sono tipicamente inconsapevoli dei siti di iniezione precisi per le loro aree di interesse. Il viso è una struttura meccanica con tessuti duri e morbidi che necessitano un vero supporto per affrontare la forza della gravità.

Questo può aiutare il paziente a capire perché il miglioramento di un'area può essere raggiunto trattando un'area vicina o distale.

Qual è il risultato positivo del trattamento medico estetico? Come misuriamo un suo successo e un suo fallimento?

Si basa tutto sul rapporto medico-paziente.

Per esempio: se voglio avere un trattamento per sembrare più giovane di 30 anni, forse rimarrò deluso.

Quindi è importante, durante la fase di pianificazione, stabilire i limiti, conoscere le aspettative del paziente, e spiegare al paziente cosa è possibile ottenere.

Se non facciamo questo sicuramente avremo pazienti infelici.

Letto 324 volte Ultima modifica in data: Martedì, 08 Gennaio 2019 14:27